EXPO 2015: metti una sera a cena… tra amiche!

Una sera tra amiche… dove si va? Siamo a Milano, quindi… proposta: giro serale a EXPO 2015! Da mesi non si parla d’altro, nel bene e nel male. Ci sono gli entusiasti della prima ora, ma anche chi lo ha ferocemente criticato e tuttora non è soddisfatto del risultato.

Noi ci siamo state e vi raccontiamo il nostro punto di vista… in attesa di tornare a visitarlo più e più volte!

Innanzitutto, i consigli pratici: se ci andate di sera, come noi, sappiate che il tempo è limitato e molti padiglioni chiuderanno prima delle 23.00 (in settimana) o delle 24.00 (il sabato, la domenica e i giorni festivi). Questo comunque non vi impedirà di godervi lo spettacolo di Expo, tra luci, colori e sapori del Mondo… Ma sarà meglio concentravi più su un tour enogastronomico che sul resto!

Per prima cosa, consiglio di acquistare online il biglietto (costa solo 5 Euro, convenientissimo!). Ecco il link di riferimento: https://tickets.expo2015.org/

La serata inizia alle 19.00, ma cercate di essere a Rho Fiera almeno per le 18.45, in quanto c’è un tratto da percorrere a piedi e soprattutto al controllo biglietti funziona come in aeroporto: si deve passare sotto il metal detector, controllano borse e valigie, non è consentito portare liquidi con sé… insomma: si può perdere una decina di minuti, se c’è tanta gente.

EXPO 2015 - Il percorso che conduce all'esposizione

EXPO 2015 – Il percorso che conduce all’esposizione

… Ora siete dentro! Come barcamenarsi in tutto questo tripudio di offerta, visiva ed emotiva? Vi conviene preparare un piano di attacco già a casa, cercando di capire quali possano essere le zone o i padiglioni che non volete perdere! Il Decumano, la “strada” più lunga di Expo, che si ispira all’antica struttura a croce del castrum romano (Cardo e Decumano) si estende per circa un chilometro e mezzo, meglio non fare avanti e indietro inutilmente! (Qui trovate un interessante tour virtuale del Cardo, all’altezza del “nostro” padiglione, Palazzo Italia: http://virtual.expo2015.org/?go=il-cardo&language=IT)

Ed ecco il Decumano, su cui si affacciano tutti i padiglioni:

EXPO 2015 - Passeggiando sul Decumano

EXPO 2015 – Passeggiando sul Decumano

EXPO 2015 - Ortaggi colorati sul Decumano

EXPO 2015 – Ortaggi colorati sul Decumano

 

Il primo padiglione che trovate, e che fa sfoggio di sé già da lontano, è il PADIGLIONE ZERO, progettato dall’architetto Michele De Lucchi: partite da qui! Fatevi pervadere dal “divino respiro della Terra”, come annuncia il motto di Plinio il Vecchio all’ingresso…

EXPO 2015 - Scorci del Padiglione Zero

EXPO 2015 – Scorci del Padiglione Zero

EXPO 2015 - L'esterno del Padiglione Zero

EXPO 2015 – L’esterno del Padiglione Zero

…ed entrate in atmosfera “Il nome della rosa” ammirando il grande archivio in legno con statue e cassetti aperti, proprio all’ingresso della sala principale!

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - Immenso archivio in legno all'ingresso

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – Immenso archivio in legno all’ingresso

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - Immenso archivio in legno all'ingresso

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – Immenso archivio in legno all’ingresso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

All’interno, un video pastorale, il “muro” che raccoglie i semi di credo tutti i frutti del mondo, (o quasi!), uno “zoo” di animali in resina a grandezza naturale a fianco a voi… e se alzate lo sguardo, anche il mondo marino!

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - Un "muro di semi"

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – Un “muro di semi”

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - Animali in resina

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – Animali in resina

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - Animali marini

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – Animali marini

 

 

 

 

 

Video colorati di frutta in ogni sua declinazione, utensili e macchine del mondo agricolo, un enorme plastico che rappresenta la storia dell’uomo dalle epoche più antiche e rurali fino alle metropoli odierne… tutto è affascinante qui!

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - Tripudio di frutta

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – Tripudio di frutta

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - Tripudio di frutta

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – Tripudio di frutta

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - Tripudio di frutta

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – Tripudio di frutta

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - Utensili del mondo rurale

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – Utensili del mondo rurale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al centro del padiglione trovate anche l’immenso tronco di un albero (ben fatto, sembra vero!) che sbuca poi dal tetto della struttura!

EXPO 2015 - Un enorme albero vero nel Padiglione Zero

EXPO 2015 – Un enorme albero nel Padiglione Zero

EXPO 2015 - Un albero vero esce dal tetto del Padiglione Zero

EXPO 2015 – La chioma di un albero sbuca dal tetto del Padiglione Zero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma le sorprese non finiscono qui, perché lo Zero è anche il padiglione della “riflessione” sui temi più importanti di Expo, cioè l’importanza del cibo e purtroppo la “catastrofe” degli sprechi. Ecco dunque che, accanto a un gigantesco schermo che proietta i numeri della “Borsa del cibo”, troviamo un mucchio di spazzatura che rappresenta gli sprechi della civiltà odierna, dove si muore di fame ma un terzo del cibo ogni anno viene buttato.

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - La "Borsa del cibo"

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – La “Borsa del cibo”

EXPO 2015 - Il Padiglione Zero - Gli sprechi di cibo nel mondo

EXPO 2015 – Il Padiglione Zero – Gli sprechi di cibo nel mondo

 

 

 

Ci sarebbe da passare ore solo in questo padiglione, ma il tempo stringe, bisogna a malincuore passare oltre! Ormai saranno quasi le otto, quindi urge una sosta-cibo: consigliamo il “cuoppo” di fritti napoletani in vendita presso il simpatico Ape-car di Frie’n’fuie, o una calda zuppa di Ramen giapponese di Zen Express… noi, nel dubbio, abbiamo provato entrambi!

EXPO 2015 - Sosta culinaria da Frie'n'Fuie

EXPO 2015 – Sosta culinaria da Frie’n’Fuie

EXPO 2015 - Si cena col ramen giapponese!

EXPO 2015 – Si cena col ramen giapponese da Zen Express!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Proprio nei pressi c’è il colorato PADIGLIONE DELL’ANGOLA, al cui centro è inserito un “imbondeiro”, il baobab africano che vi accoglie con luci e colori:

EXPO 2015 - Il Padiglione dell'Angola

EXPO 2015 – Il Padiglione dell’Angola

EXPO 2015 - L'imbondeiro (baobab) nel Padiglione dell'Angola

EXPO 2015 – L’imbondeiro (baobab) nel Padiglione dell’Angola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una ragazza del posto, molto gentile, ci ha mostrato dei video con le “7 meraviglie” dell’Angola, paesaggi davvero magnifici, poi abbiamo osservato i video e le installazioni di questo Paese così eterogeneo, e concluso il giro assaporando succo di baobab (un mix tra agrumi, lychees, frutti tropicali) e un vino rosso angolano profumato e corposo: merita davvero!

EXPO 2015 - Video "7 meraviglie" nel Padiglione dell'Angola

EXPO 2015 – Video “7 meraviglie” nel Padiglione dell’Angola

EXPO 2015 - Video "7 meraviglie" nel Padiglione dell'Angola

EXPO 2015 – Video “7 meraviglie” nel Padiglione dell’Angola

EXPO 2015 - Donnine "angolane

EXPO 2015 – Donnine “angolane

EXPO 2015 - Atmosfere e tradizioni angolane

EXPO 2015 – Atmosfere e tradizioni angolane

 

 

Ma dirigiamoci ora verso il BRASILE, con la sua rete “interattiva” su cui è possibile salire, per osservare dall’alto la varietà di fiori, piante e frutti brasiliani, come il minuscolo ananas. Grandi e piccini si divertono a saltellare sulla rete, attivando sensori che danno luogo a variazioni di luci e colori all’interno del padiglione.

EXPO 2015 - La rete interattiva del Brasile

EXPO 2015 – La rete interattiva del Brasile

EXPO 2015 - La rete interattiva del Brasile

EXPO 2015 – La rete interattiva del Brasile

EXPO 2015 - Piante brasiliane

EXPO 2015 – Piante brasiliane

EXPO 2015 - Il minuscolo ananas brasiliano

EXPO 2015 – Il minuscolo ananas brasiliano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Proseguendo alla ricerca della “movida”, potete fare un salto in ARGENTINA, dove i carnivori saranno attirati dal profumo della carne, servita insieme ai cocktail su un lungo bancone:

EXPO 2015 - In coda per la carne al bancone del padiglione Argentina

EXPO 2015 – In coda per la carne al bancone del padiglione Argentina

oppure, se lo trovate ancora aperto, anche il PADIGLIONE DELLA SPAGNA promette tapas e aperitivi a volontà (noi non ce l’abbiamo fatta, tappa rimandata al prossimo giro!)

EXPO 2015 - Bar all'aperto nel padiglione spagnolo

EXPO 2015 – Bar all’aperto nel padiglione spagnolo

 

Mentre camminate da un posto all’altro, guardatevi in giro: Expo è anche sinonimo di architettura, particolare come questo mulino di luci della Bielorussia

EXPO 2015 - Mulino di luci del Belarus

EXPO 2015 – Mulino di luci della Bielorussia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

o lo scenografico padiglione Waterstone di Intesa Sanpaolo

EXPO 2015 - Il padiglione Waterstone di Intesa Sanpaolo

EXPO 2015 – Il padiglione Waterstone di Intesa Sanpaolo

 

 

Ed eccoci arrivate alla prossima sosta, in tempo per calarci nell’atmosfera giocosa, da luna park, dell’OLANDA: pochi passi e davvero vi sembrerà di essere in un altro posto, circondati da luci al neon e furgoncini che vendono hot dog, patatine fritte, mini pancakes e frittelle!

EXPO 2015 - L'ingresso del padiglione olandese

EXPO 2015 – L’ingresso del padiglione olandese

EXPO 2015 - Luci da luna park del padiglione olandese

EXPO 2015 – Luci da luna park del padiglione olandese

EXPO 2015 - Furgoncino degli hot dog nel padiglione olandese

EXPO 2015 – Furgoncino degli hot dog nel padiglione olandese

EXPO 2015 - L'atmosfera stile Luna park del Padiglione olandese

EXPO 2015 – L’atmosfera stile Luna park del Padiglione olandese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche il motto dell’Olanda è accattivante ed educativo: “share, grow, live”

A questo punto della serata saranno quasi le 22.00, corriamo verso la LAKE ARENA, dove il Cardo si interseca col Decumano, per entrare nel vivo dello spettacolo pirotecnico dell’ALBERO DELLA VITA: ne vale la pena! Musiche, colori e giochi di luce che si alternano ad alti getti e spruzzi delle fontane, e alla fine i fuochi d’artificio… Ogni festa che si rispetti non può che terminare alla grande, così!

EXPO 2015 - Lo spettacolo dell'Albero della Vita

EXPO 2015 – Lo spettacolo dell’Albero della Vita

EXPO 2015 - Lo spettacolo dell'Albero della Vita

EXPO 2015 – Lo spettacolo dell’Albero della Vita

EXPO 2015 - Lo spettacolo dell'Albero della Vita

EXPO 2015 – Lo spettacolo dell’Albero della Vita

EXPO 2015 - Lo spettacolo dell'Albero della Vita

EXPO 2015 – Lo spettacolo dell’Albero della Vita

EXPO 2015 - Lo spettacolo dell'Albero della Vita

EXPO 2015 – Lo spettacolo dell’Albero della Vita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A fianco, ecco la maestosa architettura di PALAZZO ITALIA, una specie di “nido” realizzato in un materiale che assorbe l’inquinamento. Bellissimo già da fuori, era chiuso durante la nostra visita, quindi costituirà una delle tappe obbligate del prossimo tour!

EXPO 2015 - Palazzo Italia

EXPO 2015 – Palazzo Italia

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma non mancheranno, inoltre: un aperitivo in Spagna, un altro drink a bordo piscina nella Repubblica Ceca, un giro nel Regno Unito per vedere l’immenso alveare interattivo in acciaio e alluminio, collegato ad un vero alveare a Nottingham… e ancora: dobbiamo assaggiare le patatine fritte belga, la piada con le bolle, vogliamo rigenerarci nel fresco bosco, vero, del padiglione austriaco, conoscere le tecnologie del padiglione giapponese o le atmosfere orientali del Kuwait…

Questo e altro nella prossima blog-puntata targata “Expo 2015”!

Per finire, però, godiamoci un Margarita alla pesca, con sale e peperoncino o una Corona nel bar all’aperto del MESSICO: dopo tanto camminare ci siamo pur meritate una pausa… alcolica!

EXPO 2015 - Margarita alla pesca con sale e peperoncino nel padiglione del Messico

EXPO 2015 – Margarita alla pesca con sale e peperoncino nel padiglione del Messico

EXPO 2015 - Preparazione drink messicani

EXPO 2015 – Preparazione drink messicani

EXPO 2015 - Relax all'aperto nel bar del padiglione del Messico

EXPO 2015 – Relax all’aperto nel bar del padiglione del Messico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vi lascio con qualche info pratica su Expo:

– è perfettamente attrezzato per disabili e percorsi con passeggini;

– ogni bagno è dotato di fasciatoio per il cambio bébé;

– per le mamme, inoltre, la Chicco mette a disposizione gratuitamente i passeggini;

– troverete, in molti punti dell’esposizione, fontanelle di acqua frizzante e naturale gratuita

e se non sapete dove alloggiare, qui trovate il mio monolocale, in affitto a prezzi onesti! https://www.airbnb.it/rooms/6471457

Per tutto il resto, vi rimando al sito http://www.expo2015.org/it

 

Ho visto un posto che mi piace, si chiama Mondo
Ci cammino, lo respiro, la mia vita è sempre intorno
Più la guardo, più la canto, più la incontro
Più lei mi spinge a camminare come un gatto vagabondo…
Ma questo è il posto che mi piace si chiama mondo….

(Cesare Cremonini)

 

2 thoughts on “EXPO 2015: metti una sera a cena… tra amiche!

  1. Sei stata molto precisa e chiara ma soprattutto come dice giustamente il papi….stuzzicante…concordo pienamente anche le descrizioni azzeccate… Ti leggo sempre molto volentieri e voglio consigliarlo a tutti…..
    SEI SPECIAL CARA BARBARA

Comments are closed.